I Colori Dell’Anima. Angela Tartamella e Maria Rosa Mosca in mostra in Adafa dal 16 settembre

from to
Scheduled Blog Eventi

CREMONA. “Fra segno e colore”. Questo è il titolo della mostra di Angela Tartamella e Maria Rosa Mosca che si apre all’Adafa sabato 16 settembre alle 17,30. Segue rinfresco.

«Nelle due artiste – spiega il curatore, Simone Fappanni – si osserva una continua ricerca espressiva che si concretizza in immagini fortemente evocative. Al centro di entrambi gli iter compositivi si nota una naturale predisposizione verso la figura e la ritrattistica. In Angela emerge una sincera capacità evocativa che spazia agilmente da accentazioni cromatiche dense e pastose, a morbide e leggere campiture in cui s’innerva una plasticità rarefatta e sottilmente tonale che abbraccia l’intero soggetto. Esso viene, dunque, trasposto su supporto, con bella apertura meta-rappresentativa in cui si riconosce una precisa cifra stilistica. Non meno interessante è la ricerca di Maria Rosa. L’artista sonda, con minuziosa attenzione, ciò che intende raffigurare e procedete nell’esecuzione con invidiabile perizia certosina. Siamo di fronte a una “scrittura” pittorica estremamente poetica, dove il dato oggettivo del reale, viene a fondersi secondo atmosfere raccolte e intense. L’espressione, la postura, lo sguardo e tanti altri elementi “minimi” del soggetto diventano costitutivi per quadri che non smettono di attrarre il fruitore che ne rimane irresistibilmente sedotto». Tartamella risiede nel cremonese fino al 1998. Ha frequentato un corso di figura del pittore Giorgio Mori e corsi di figura e ritratto. Dopo essersi trasferita a Bagnolo Mella, ha iniziato a partecipare alle attività del Gruppo Artistico Bagnolese. Ha conseguito significativi premi e riconoscimenti. Quanto a Mosca, è nata a Sospiro. Sino alla fine degli anni novanta si arricchisce e perfeziona nelle tecniche nell’uso dei colori ad olio, della grafite, dell’acquerello e nella composizione, inizia a partecipare a mostre e dove significativi riconoscimenti soprattutto alle sue opere in grafite. Nel contempo continua il suo percorso di studio e ricerca, col maestro Pini di Manerbio nelle matite colorate, col maestro Lupato di Padova nel ritratto, anatomia del corpo umano, ombreggiatura e tratteggio, col maestro Fralli di Piacenza nell’uso del carboncino e della fusaggine. La passione e l’innata comunicativa la spingono a tenere fortunati corsi di disegno e ritratto

La mostra può essere visitata gratuitamente, fino al 27 settembre, da martedì a domenica dalle ore 17 alle 19.